Targetizzare la custom audience su Facebook: qualche consiglio.

Seguici su

Targetizzare la custom audience su Facebook: qualche consiglio.

Vi è mai capitato di trovarvi in difficoltà nel targetizzare la vostra custom audience per una campagna Facebook?

Come fare quindi a raggiungere il maggior numero possibile di utenti potenzialmente interessati al nostro prodotto basandoci solo sulla geolocalizzazione e sugli interessi?

Niente paura: con qualche accortezza sarà possibile definire (al massimo delle potenzialità della piattaforma) la nostra audience ideale.

A differenza infatti delle campagne Google AdWords, dove il targeting viene definito sulla base base delle parole chiave che esprimono una bisogno già (più o meno) indicato dall’utente, la targetizzazione su Facebook tiene conto dei fattori sopracitati e di conseguenza significa che potrà raggiungere persone che in quel momento non sono alla ricerca specifica di risolvere un problema o del nostro prodotto o servizio.

Ecco quindi qualche piccolo consiglio:

Definite prima di tutto gli obbiettivi e i vostri punti di forza.

Come insegnano le basi del marketing: prima di tutto capiamo dove vogliamo arrivare in modo tale da chiarire il tipo di percorso da intraprendere (e, di conseguenza, che tipo di campagna Facebook Ads impostare). Dobbiamo solo far conoscere il nostro brand o generare conversioni? A seconda del tipo di campagna, potrebbero anche corrispondere pubblici differenti.

Capite qual’è il pubblico che più vi segue.

Oggi è possibile farlo tramite gli Insights della vostra pagna, alla voce “Persone”: potrete capire l’età, il sesso e la provenienza dei frequentatori abituali della vostra fan page.

Non è detto che questo dovrà essere il pubblico targetizzato per le nostre campagne, ma di sicuro vi aiuterà a farvi capire quali sono le persone che maggiormente vi seguono e anche a farvi le giuste domane.

Capite a chi volete rivolgervi.

Se il pubblico a cui mirate non è lo stesso del punto sopracitato, definite con chiarezza qual’è l’audience che volete raggiungere e di conseguenza provate ad immaginare le loro abitudini per definire il vostro buyer personas.
Ad esempio, se siete un’ azienda che offre un servizio di food delivery o un e-commerce, dovrete pensare a quali sono le abitudini della vostra audience: ad esempio potrebbero avere interessi in Shopping online, Amazon/E-bay/Zalando e via discorrendo. Potrete inoltre scegliere tra gli interessi elencati, attività, istruzione e lavoro, like ad altre pagine, app che utilizzano e gruppi di appartenenza.

Inclusione ed esclusione di una connessione.

Volete indirizzare la promozione ai soli fan della vostra pagina? Oppure volete mostrarla a tutti, tranne che ai vostri fan? Potrete fare entrambe le cose. In alternativa, se siete a corto di idee, potrete targetizzare utenti che seguono le pagine dei vosti competitor: una modalità interessante anche per aggiungere nuovi like alla vostra pagina e fare brand awareness!

Posizionamento dell’annuncio: Feed delle Notizie o Lato Destro

Sembra che non sia così, ma anche il posizionamento dell’annuncio influisce sulle azioni degli utenti.

Le vostre inserzioni potranno essere visibili nel feed delle notizie o nella colonna di destra: normalmente i primi sono visivamente più grandi e generano più interazioni, mentre i messaggi nella colonna di destra danno più l’idea di essere annunci commerciali e possono risultare interessanti per quegli utenti che sono già predisposti o interessati all’acquisto.

Ovviamente il nostro consiglio è quello di sperimentare entrambe le modalità di visualizzazione, confrontare i dati e verificare quale funziona meglio per il tipo di prodotto/servizio che intendete promuovere.

Nessun commento

Rispondi

Codice di verifica:

Online il nuovo sito del Ristorante Cristallo di Riccione

Online anche il nuovo sito di Oxygène