Facebook Ads apre ancora di più all’e-commerce

La svolta di Facebook da social network a mezzo di comunicazione e promozione per le aziende continua inesorabile (una prima anticipazione sull’argomento si trova in un articolo di poco tempo fa sul ruolo dei social network per il commercio elettronico). Call to action sempre più orientate alla vendita, generazione di lead e nuovi algoritmi di diffusione dei contenuti lo rendono uno strumento sempre più adatto alle attività commerciali di qualsiasi settore. Oggi parleremo di un’ulteriore possibilità dedicata agli e-commerce, mutuata dall’esperienza Google Shopping: le Facebook Dynamic Ads.

Partiamo dall’inizio, cosa sono le Facebook Dynamic Ads?

Sono inserzioni pubblicitarie che riportano sullo stream notizie dei visitatori del vostro sito web o app annunci inerenti a ciò che questi hanno visualizzato (secondo le logiche del remarketing) e rappresentano una soluzione davvero efficace per tutte quelle aziende che possiedono grandi cataloghi prodotti e desiderano proporre annunci personalizzati ai propri potenziali clienti.
Questa tipologia d’inserzione è esattamente uguale agli altri annunci con link o carousel già disponibili sul popolare social network, ma indirizza l’utente verso una pagina prodotto già conosciuta.
Il carattere “dinamico” di questa tipologia di annunci permette di evitare di perdere tempo a creare specifiche inserzioni per ciascuno dei prodotti a catalogo, Facebook lo fa al vostro posto, personalizzandole per ognuno dei vostri clienti.

Cosa serve per impostare una Facebook Dinamic Ads?

Prima di iniziare a creare un’inserzione dinamica è necessario avere un Business Manager per la vostra azienda, un catalogo prodotti da caricare (oppure un link del catalogo nel Business Manager) ed implementare un pixel di tracciamento Facebook sul vostro sito web.
Grazie a quest’ultimo potrete creare i corretti segmenti di utenti a seconda delle azioni che questi hanno effettuato sul sito (semplice visita, aggiunta di prodotti alla lista dei desideri oppure creazione di carrelli senza completare l’acquisto, etc.) ed indirizzarli verso i prodotti che hanno maggiore probabilità di essere acquistati tramite annunci pubblicitari mirati e personalizzati.

Quali possibilità offre una Facebook Dynamic Ads

Tramite le Facebook Dynamic Ads potrete sfruttare a pieno tutte le potenzialità del classico remarketing e qualcosa in più.
Una volta create le giuste liste di visitatori del vostro sito web, potrete riproporre loro su Facebook i prodotti già visitati o quelli inseriti nel carrello ma non acquistati, incentivando a comprare tramite un messaggio pubblicitario aggiuntivo (ad es. “spedizione gratuita” oppure “ultimo pezzo disponibile”).
Potrete inoltre incoraggiare i vostri clienti all’acquisto con campagne di cross-selling (proponendo un articolo correlato a qualcosa che l’utente ha già acquistato) ed up-selling (mostrando prodotti di valore più alto rispetto a ciò che l’utente ha già acquistato).
Tutte queste opzioni mirano ad aumentare il life time value dei vostri visitatori, fidelizzandoli e incrementandone la media dei carrelli.
Facciamo due esempi concreti: una persona ha recentemente acquistato sul vostro e-commerce scarpe di lusso. Potrebbe essere un’ottima idea consigliare l’acquisto – a distanza di qualche giorno – anche di borse di lusso, un prodotto correlato appetibile per il cliente. Altro caso, qualcuno ha visto sul vostro sito una borsa da mare: l’inserzione dinamica potrebbe mostrare prodotti simili – di fascia superiore – come un costume, che potrebbe garantirvi una maggiore marginalità.
In entrambi i casi, sarà l’algoritmo di Facebook a selezionare automaticamente i prodotti da mostrare negli annunci, basandosi sul co-browsing – ovvero la navigazione simultanea delle stesse pagine web da parte di due o più persone – ed i comportamenti di consumo collaborativo – un modello economico che si fonda su scambio e condivisione di beni materiali, servizi e conoscenze.

Quali sono i principali vantaggi delle Facebook Dynamic Ads?
In primo luogo, questa tipologia d’inserzioni porta ad un aumento della rilevanza degli annunci mostrati ai vostri potenziali clienti, i quali possono visualizzare prodotti già consultati o comunque correlati – grazie ai meccanismi di cross ed up-selling. Mostrare annunci rilevanti è dunque fondamentale se desideriamo ottenere risultati tangibili, dato che la navigazione degli utenti Facebook è essenzialmente ludica e la loro soglia d’attenzione è mediamente bassa.
In secondo luogo, le Dynamic Ads consentono di pubblicizzarsi sia con clienti già acquisiti sia con chi non lo è ancora diventato.
In terzo luogo, come abbiamo accennato all’inizio dell’articolo, non è più necessario creare molteplici unità pubblicitarie per ciascun prodotto, ma una volta implementati nel modo giusto catalogo prodotti e segmenti di pubblico sarà la piattaforma stessa a farlo per voi.
Infine, il bacino d’utenza di Facebook ed il fatto che gli utenti possano essere raggiunti su diversi dispositivi di navigazione rendendo la comunicazione estremamente completa.

Le Facebook Dynamic Ads nascono come risposta alle campagne sponsorizzate Google Shopping dedicate al mondo e-commerce, ed allo stato attuale presentano delle differenze abbastanza rilevanti:

1. diversa fase del processo di acquisto: nel caso di Google può essere una fase iniziale, di prima ricerca d’informazioni su un prodotto, mentre per Facebook può essere una fase avanzata – quando l’utente è già informato sul prodotto o ha comunque dimostrato un certo interesse per esso;
2. su Facebook potrete utilizzare i meccanismi di cross ed up-selling mentre su Google potrete proporre solo i prodotti ricercati sul motore di ricerca oppure quelli già visti sul sito (remarketing classico);
3. navigazione mobile: oltre l’80% del traffico Facebook deriva da dispositivi mobile, mentre Google assegna solo due posizionamenti sponsorizzati alle schede shopping;
4. la rapidità nel processo di approvazione dei prodotti sulle due piattaforme: molto più veloce su Facebook rispetto che su Google;
5. le campagne Facebook Dynamic Ads vengono create e gestite tutte su Facebook Business Manager, mentre su Google Shopping sono necessarie due piattaforme: Google Merchant e Google Adwords.

Rimane un’ultima domanda cui rispondere: le Facebook Dynamic Ads funzionano davvero? La risposta è molto semplice e forse scontata: SÌ, se pensate nel modo giusto.
Nel caso di Target, per esempio, si è registrato un incremento del 20% di conversione delle Facebook Dynamic Ads rispetto ad altre inserzioni Facebook tradizionali, con ottimi risultati sugli utenti che acquistano tramite dispositivi mobile.
Gli aspetti che hanno maggiormente inciso su questa ottima performance sono state la pertinenza dei messaggi e la personalizzazione degli annunci, i quali hanno permesso di pubblicizzare l’offerta prodotti in maniera chiara ed innovativa (fonte facebook.com).

Nessun commento

Rispondi

Codice di verifica:

Google Performance Summit

Le più grandi novità dal Google Performance Summit 2016

Quali social network utilizzare per iniziare con la mia azienda?