Google Performance Summit

Le più grandi novità dal Google Performance Summit 2016

Seguici su

Le più grandi novità dal Google Performance Summit 2016

Durante l’ultimo Google Performance Summit 2016, svoltosi a San Francisco, emerge come Google continui ad ampliare la propria offerta di prodotti attuando interessanti cambiamenti sempre più in ottica mobile. Ogni anno vengono effettuate sempre più ricerche tramite Google ed oltre la metà di esse da mobile. Capirete quindi come già ora la fetta maggioritaria dell’intero traffico web provenga da smartphone e tablet, che rappresentano – in qualsiasi momento della giornata – strumenti sempre più utilizzati per ricercare informazioni oppure decidere dove fare acquisti.
In questi ultimissimi 12 mesi, la pagina di ricerca di Google ha mostrato una gran quantità di modifiche rispetto al passato e queste hanno rivoluzionato – e stanno costantemente modificando – le strategie SEO/SEM delle imprese.

Una delle modifiche maggiormente di impatto è stata sicuramente la scelta da parte di Google di rimuovere gli annunci sponsorizzati dalla parte destra della pagina, in navigazione desktop, che ha comportato la diminuzione degli spazi a disposizione degli inserzionisti (e un corrispondente aumento delle CPC).
Un secondo importante cambiamento è stato il cambio di colore delle URLs degli annunci sponsorizzati che sono stati uniformati al verde dei risultati organici facendo perdere almeno in parte per il navigatore “meno esperto” la distinzione tra un link a pagamento e uno organico.
Altra importante modifica in arrivo sulla piattaforma Google Adwords sarà la possibilità di modificare le CPC su ogni dispositivo di navigazione (quindi lo strumento tablet verrà separato dal desktop).
La ratio di queste modifiche si può leggere nel tentativo da parte di Google di fornire ai propri navigatori una pagina meno caotica, più uniforme da leggere e soprattutto simile sui vari dispositivi di navigazione.

Durante il Google Performance Summit 2016 è stata annunciata l’ultima novità, i nuovi formati di annunci testuali che compariranno nella pagina dei risultati di Google: gli extended text ads (annunci di testo estesi).

I nuovi annunci sono innanzitutto caratterizzati da un maggiore spazio disponibile per gli inserzionisti, in modo da poter dare all’utente maggiori informazioni su prodotti e servizi prima di un eventuale clic.

Nello specifico, questi annunci presentano:

  • due titoli in blu da 30 caratteri
  • una descrizione espansa da 80 caratteri
  • una URL di visualizzazione personalizzabile con due parole chiave di 15 caratteri ciascuna

Cosa cambia quindi per l’inserzionista AdWords?

In primo luogo, come già accennato, avrà maggiore spazio a propria disposizione per rendere gli annunci più appetibili e completi nelle informazioni fornite; essi inoltre, dato che sono esattamente identici sia su piattaforma desktop che mobile, non presentano più la spunta “cellulare”.
In secondo luogo, non è più possibile personalizzare l’URL di visualizzazione come in precedenza, per esempio inserendo la keyword in formato “keyword.nomeadominio.it”, ma le parole chiave di interesse saranno visualizzate in seguito al dominio, formando per l’utente una sorta di percorso di navigazione “nomeadominio.it/keyword/keyword”

Queste migliorie consentiranno a questi annunci sponsorizzati di funzionare in maniera più efficace, in particolare per chi utilizza un dispositivo mobile e desidera conoscere il più possibile riguardo ad un’offerta, prodotto o servizio prima di essere reindirizzato su una pagina web. Se vi state chiedendo l’efficacia di queste nuove ads in termini percentuali, secondo quanto riportato in un articolo della rivista specialistica “Engage”, alcuni inserzionisti hanno registrato un incremento del click through rate (CTR) fino al 20% rispetto alla vecchia tipologia di annunci.
Anche per gli expanded text ads rimangono ovviamente inalterate le best pratiche atte a migliorare l’ottimizzazione degli annunci. Con circa il 50% in più di testo a vostra disposizione ed un titolo aggiuntivo, questi nuovi annunci vi consentiranno di connettervi in maniera migliore con i vostri clienti ed incrementare il numero di clic “qualificati” verso il vostro sito web.

Il consiglio più importante che ci sentiamo di darvi è il seguente: ripensate completamente il messaggio della vostra inserzione, piuttosto che aggiungere semplicemente un secondo titolo ad i vostri annunci già esistenti. È importante infatti considerare l’intero messaggio da presentare, prendendo in considerazioni tutte le parti del vostro nuovo annuncio ed approfittando ovviamente del maggior limite di caratteri.
Una parte fondamentale del vostro lavoro sarà quella di concentrarvi sull’ottimizzazione dei due titoli, visto che gli utenti sono maggiormente propensi a leggere questi piuttosto che la descrizione dell’annuncio stesso. I campi del titolo sono generalmente separati da un trattino su desktop e tablet, mentre sui dispositivi mobili potrebbero essere disposti su due righe: entrambe le tipologie di visualizzazione devono essere ovviamente tenute in considerazione, in modo che i vostri annunci siano facilmente leggibili sui vari dispositivi.
Inoltre, come ultimo consiglio, è bene utilizzare al meglio le estensioni di annuncio, considerando la correlazione tra informazioni aggiuntive – come link diretti al sito web oppure all’attività – ed un maggiore rendimento dell’annuncio stesso.
Oltre agli annunci di testo espansi, a San Francisco sono stati presentati anche nuovi formati di annunci per le ricerche su Google Maps che aiuteranno le imprese a raggiungere in maniera più efficace i consumatori che cercano luoghi fisici.
Gli inserzionisti che utilizzano le estensioni di località potranno evidenziare il luogo della propria attività quando un utente necessita di un “negozio di abbigliamento” oppure di un “elettricista nelle vicinanze”. Google infatti sta pensando ad una serie di servizi rivolti ai brand, in particolare una nuova tipologia di formati ads su Maps, per rendere più semplice la ricerca di un’attività locale. Un esempio? Gli utenti di Maps che cercano un ristorante nei dintorni, cominceranno a vedere segnaposti promozionali che li incentivino ad approfondire la ricerca – cliccando sull’URL del proprio sito web. Inoltre, le pagine delle attività locali saranno presto rinnovate, con nuovi servizi come le offerte speciali e la possibilità di visualizzare prodotti, incoraggiando dunque gli utenti a dare un’occhiata al negozio online ed alle offerte disponibili prima di recarsi personalmente nello store fisico.

Nessun commento

Rispondi

Codice di verifica:

Come aumentare i clienti con Facebook

facebook ads e e-commerce

Facebook Ads apre ancora di più all’e-commerce